Sanita’: Sculco (Cir), situazione sempre piu’ allarmante

rp_sculco-flora-24-300x216.jpgCatanzaro – “Quanto sta accadendo in ogni territorio, nella sanita’ pubblica in particolare, desta preoccupazione e allarme. Nonostante commissariamenti e discussioni interminabili, rimane il fatto, grave, per cui i cittadini continuano a non ricevere prestazioni dignitose, mentre e’ incessante la fuga dalla Calabria con gli aggravi di spesa che sappiamo e i tanti sacrifici per le famiglie”. Lo sostiene la consigliera regionale di Calabria in Rete Flora Sculco che “valuta positivamente la prima ricognizione fatta dal Consiglio regionale martedi’ ai ‘Riuniti’ di Reggio, col presidente Irto e gli altri colleghi, cui ne seguiranno altre – aggiunge – in tutta la Calabria: da Crotone a Cosenza?”. Ad avviso di Flora Sculco, “Se non fosse per le tante figure e i tanti operatori sanitari che in ogni struttura danno il massimo, spesso con abnegazione e grande professionalita’, a quest’ora la sanita’ pubblica sarebbe precipitata nel caos. A mio avviso, la decisione assunta di effettuare, da parte del Consiglio regionale, puntuali ricognizioni sul campo, non e’ solo un modo per fare uscire la politica dai ‘Palazzi’, ma ha anche un altro significato da non sottovalutare. Ossia – conclude – si intende discutere di sanita’, in questo frangente in cui le polemiche sono a tratti esasperate, con chi la sanita’ la fa per davvero, nei reparti e in ogni struttura pubblica; e nel farla, ha di mira esclusivamente i bisogni dell’utenza a cui dare risposte, nonostante decine di difficolta’ vecchi e nuove”.