Sanita’: Corbelli, scandalosa mancata nomina garante

Corbelli-Franco26-05
Catanzaro – “Un autentico scandalo. Non c’e’ altro termine per definire la mancata nomina del Garante della Salute della Calabria, a distanza di 8 anni dalla approvazione della legge regionale! La sanita’ collassa letteralmente, i casi di disorganizzazione e malasanita’ sempre piu’ numerosi, gli utenti non sanno piu’ a chi rivolgersi per vedere riconosciuti il loro sacrosanto diritto alla salute e per avere giustizia e il Consiglio regionale calabrese, riunito ieri per discutere proprio della drammatica emergenza sanita’, e’ riuscito solo a fare polemiche ignorando ancora una volta la nomina del Garante della Salute, una struttura assai importante, semplice e innovativa, al servizio dei cittadini, operativa, 24 ore su 24, con un numero verde, con oltre una ventina di sportelli informativi e un centro di coordinamento regionale per i casi di urgenza e pronto intervento”. E’ quanto afferma, in una nota, il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, promotore della proposta di legge per l’istituzione del Garante della Salute, approvata, all’unanimita’, dal Consiglio regionale, il 30 giugno 2008. “Pensavo che ieri, finalmente, dopo 8 anni di ininterrotte battaglie, centinaia di interventi, denunce e appelli sulla stampa calabrese (e anche su alcuni media nazionali), si sarebbe concretizzato un mio vecchio sogno, un’altra mia lunga battaglia, con la nomina del Garante della Salute, prosegue Corbelli. E invece il Consiglio regionale calabrese ancora una volta ha disatteso questo obbligo, nonostante la seduta di ieri fosse dedicata proprio al tema della sanita’! Questa e’ purtroppo la classe politica e dirigente calabrese, che fa della sanita’ solo una lotta di potere e di mera propaganda politica! Una grande conquista civile come Il Garante della Salute da 8 anni non si riesce a nominare e istituire, mentre la gente continua a morire perche’ i loro diritti non vengono rispettati per colpa della disorganizzazione e della malasanita’, nonostante i sacrifici e la dedizione del personale medico e paramedico degli ospedali calabresi operativi. Ricordo che la Calabria e’ stata in assoluto la prima regione italiana a pensare e ad approvare, nel 2008, per iniziativa di Diritti Civili, Il Garante della Salute, dapprima (nel gennaio del 2008) dal Consiglio provinciale di Cosenza e poi (nel giugno dello stesso anno, 2008) dal Consiglio regionale. Dopo 8 anni devo ancora lottare per fare nominare e istituire Il Garante della Salute, che eviterebbe sicuramente molte ingiustizie e tanti nuovi casi di malasanita’. Questo e’ non solo uno scandalo ma una vera vergogna, che nessun partito ha l’onesta’ e il coraggio di denunciare”. Corbelli ha infine ricordato di “non aver presentato alcuna domanda ne’ per Il Garante della Salute, ne’ per qualsiasi altro incarico, preferendo continuare il suo impegno civile, di giustizia e umanitario dalla strada, fuori e lontano dal palazzo e dal potere”.