Sanita’: Cisal Calabra incontra direttore generale Asp Catanzaro

Cisal-incontra-PerriLamezia Terme – Riceviamo e pubblichiamo una nota del Segretario Nazionale Cisal Fp, Fabio Schiavone, del Segretario Regionale Comparto Cisal Sanità Edualdo Posca, de Responsabile Dirigenza Medica Renato Barone e de Consigliere Nazionale –Responsabile Comunicazione Antonello Iuliano in merito ad un incontro tra la Cisal e il Direttore generale, dr Giuseppe Perri, “per porre fine ad alcune gravi ed oramai croniche problematiche che affliggono la sanità calabrese in generale e l’ASP di Catanzaro-Lamezia in particolare più volte affrontate ma non ancora risolte”. Al termine del proficuo incontro, riferisce la nota, “ svoltosi in un clima di rispetto reciproco e collaborazione, il D.G. dell’ASP ha assicurato il massimo impegno affinchè tutte le problematiche evidenziate ed i provvedimenti in itinere ed atti alla loro risoluzione, si realizzino nel minor tempo possibile.
L’incontro presso la direzione generale dell’ASP Catanzaro di Lamezia Terme – cui ha partecipato una delegazione della Cisal composta dal segretario nazionale funzione pubblica Fabio Schiavone; dal segretario regionale comparto Sanità Edualdo Posca e dal dr Renato Barone, in rappresentanza della dirigenza medica, – è stato fortemente voluto, per rappresentare, direttamente e ancor più dettagliatamente, ancora una volta, al netto di possibili fraintendimenti e incomprensioni, le gravi problematiche esistenti nell’ambito dell’ASP.
La delegazione Cisal, nello specifico il dr Barone, pur riconoscendo al dr Perri che l’Azienda si è mossa per tempo nel cercare di sanare queste insufficienze di personale in vari ambiti ha ribadito che, oggigiorno, pur agendo “ad limitum legis” si è comunque distanti dalle disposizioni del CN di lavoro e non è più possibile concedersi dei tentennamenti o ritardi burocratici. Come non considerare, ad esempio, – gli ha fatto eco il segretario regionale Posca – le carenze del servizio di anestesia e rianimazione a cui ad oggi mancano 3 unità?
Come non avviare al più presto – ha aggiunto Schiavone – le pratiche per una selezione pubblica?
E che dire, poi, delle carenze di personale dei reparti di pediatria e ortopedia del P.O. di Soverato, la cui ristrutturazione ed ammodernamento, con nuovi locali più ampi e meglio attrezzati consentirà – si spera al più presto – un’attività ambulatoriale meglio organizzata e servizi più efficaci ed efficienti?
Altri argomenti affrontati nel corso dell’incontro dai rappresentanti Cisal sono stati quelli degli incarichi professionali ed il tema di redistribuzione dei livelli aziendali, per i quali ancora non si è arrivati a soluzioni e per i quali i tre sindacalisti hanno auspicato di avere a breve risposte esaustive anche sotto l’aspetto economico riguardante un pò tutto, dalla produttività alla reperibilità oltre che la “vacanza” contrattuale, e non solo.
Quello che è certo – hanno affermato in coro i tre sindacalisti nel concludere il loro intervento e nel congedarsi dal D.G. – è che la Cisal vigilerà attentamente nell’interesse generale dei cittadini-utenti e degli operatori del settore. in fondo il compito di un sindacato è la salvaguardia del lavoratore in tutti i suoi diritti e la partecipazione, nel rispetto reciproco delle parti, alle scelte strategiche aziendali…”