Sanita’: Oliverio,piano assunzioni, grave situazione in Calabria

Catanzaro medici-3-600x400– “La riunione di oggi con il Ministro alla Salute, Beatrice Lorenzin, e’ stata importante, perche’ ci ha consentito di evidenziare, ancora una volta, la gravita’ della situazione sanitaria calabrese”. E’ quanto ha detto il Presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, al termine della Conferenza dei Presidenti di Regione dedicata alla sanita’. “Finalmente, dopo sei anni di blocco -ha aggiunto il Presidente della Giunta regionale calabrese- il Piano delle Assunzioni aveva visto la luce per poter rispondere al potenziamento dei servizi attraverso l’immissione di personale medico e paramedico nelle strutture ospedaliere e nei servizi sanitari territoriali, ma rimane ancora bloccato con gravi implicazioni per la salvaguardia della salute dei calabresi. Il ministro questa mattina ha dichiarato che se fosse dipeso da lei avrebbe gia’ deciso il da farsi per quanto riguarda la gestione commissariale della sanita’ in Calabria, ribadendo che si tratta di una competenza collegiale, che riguarda l’intero Governo. A questo punto mi auguro che il Governo assuma al piu’ presto tutte le decisioni conseguenti, anche alla luce della norma approvata dal Parlamento nella legge di bilancio 2017 che supera l’incompatibilita’ tra il presidente di Regione e l’istituto del Commissario”.
“Noi -ha detto Oliverio- chiediamo che non si perda piu’ nemmeno un minuto oliverio-mario600x450-newnell’assunzione di provvedimenti che, nel rispetto della norma, possano mettere la nostra regione nelle condizioni di poter assumere responsabilita’, perche’ il diritto alla tutela della salute possa essere affermato anche in Calabria. Siamo pienamente d’accordo con chi dice che bisogna investire in direzione della deospedalizzazione e della innovazione e che bisogna fare in modo che ci si preoccupi meno della moltiplicazione dei primariati e molto di piu’ della garanzia dei servizi. In Calabria, pero’, non solo non sono stati moltiplicati i primariati, ma gran parte dei servizi sono rimasti privi di interventi radicali, proprio in conseguenza del blocco delle assunzioni”.

“I servizi sul territorio, che avrebbero dovuto favorire la deospedalizzazione, sono stati depotenziati e depauperati – ha ricordato ancora Oliberio – nel corso di questi sei anni di commissariamento la distanza tra la nostra e le altre regioni del Paese si e’ ulteriormente allargata. Cio’ che abbiamo chiesto al ministro questa mattina e’ solo questo: di poter lavorare nella direzione di elevare gli standard delle prestazioni per consentire di realizzare anche in Calabria, in tempi rapidi, i livelli essenziali di assistenza, alla pari di altre regioni del Paese”. “Non chiediamo null’altro – ha concluso Oliverio- che essere messi nelle condizioni di fuoriuscire dal Piano di Rientro dal debito sanitario entro il 2018 per come e’ stabilito e, nello stesso tempo, lavorare, assumendoci responsabilita’ in una situazione difficile ed in cui le risorse scarseggiano, per costruire anche nella nostra regione un sistema sanitario adeguato e degno di questo nome. Cio’ che chiediamo e’ di essere messi nelle condizioni di poter realizzare condizioni di tutela e di sicurezza fondamentale, minima, per le nostre popolazioni”.