Calcio a 5: La Royal Team Lamezia batte il Napoli per 5 a 0

Marigliano (Napoli) – La Royal Team Lamezia brinda alla prima storica vittoria in A con un
netto 5-0, chiudendo il primo tempo già sul 2-0. Ragona opta per una sola variante rispetto a domenica, Di Piazza per Furno, le altre sono Cacciola, Rovito, Fragola e De Sarro. Fin dall’inizio Royal vogliosa della vittoria e concentrata, cosi come con Milano. Non c’è Kale che incita le compagne dalla tribuna e fa piacere vedere un gruppo che si aiuta e si sacrifica l’una per l’altra. Alla fine mister Ragona darà spazio a tutte che entusiaste festeggiano la meritata vittoria. Di Saraniti il primo storico gol in A da vera opportunista; quindi è Nasso con un’insistita bella azione personale a raddoppiare. E’ questa del primo tempo la vera ipoteca sulla vittoria, poi gestista e arrotondata nella ripresa. Obiettivamente Napoli non era Milano, ma la Royal ha dimostrato di esserci e di voler lottare su ogni campo.

Qualche incursione di Di Piazza senza troppo convinzione. Ed è De Oliveira (1’38”) a tirare blocca Cacciola. Risponde poco Rovito, gran sinistro, Macchia in angolo. Sugli sviluppi Di Piazza sbuccia il tiro e la sfera si perde a lato. Royal ancora pericolosa: brava Rovito (3’22”) al limite, dribbling a rientrare e sinistro deviato dalla difesa in angolo. Sugli sviluppi prima De Sarro ma soprattutto Di Piazza si inceppano da due passi e Macchia blocca. Pochi minuti ma la Royal dimostra subito di voler vincere sfiorando il vantaggio già in questi pochi minuti iniziali. Primo cambio entra Saraniti per De Sarro (5’20”). Napoli pericoloso: diagonale di Vecchione (6’) para Cacciola. 1250 Perde palla Di Piazza, Ribeirete in diagonale, a lato. Risponde Rovito, sinistro fuori. Poco dopo il primo gol in Serie A della Royal è di Saraniti. Azione sulla sinistra con un rasoterra insidioso diDi Piazza, respinge Macchia, la più lesta è Saraniti (7’20”) con un tape-in vincente 0-1(dedica al papà scomparso di una cara amica). Si riprende e Fragola ci prova subito da fuori, para Macchia. Ancora Royal: gran sinistro di Rovito, devia Macchia. Secondo cambio Royal: entra Furno per Di Piazza. E poco dopo Cacciola super due volte su Aresu tutta sola sulla destra e poco dopo da distanza ravvicinata, abile a deviare, nell’occasione il portierone Royal rimane contusa. La Royal ovviamente risponde colpo su colpo: lancio di Cacciola e tocco astuto sotto porta di De Sarro, reattiva Macchia in extremis. Lametine ancora vicine al raddoppio ma Napoli si salva alla meno peggio sulle conclusioni di Fragola, Furno e De Sarro (11’42”), e stavolta anche con l’aiuto di De Oliveira sulla linea di porta. Royal determinata: ci prova Furno da fuori, palla out. Entra anche Nasso per De Sarro (a 6’ dalla fine). Ancora Furno (16’) da sinistra, fendente a lato. Sbuccia, per fortuna, Vecchione da due passi. E la Royal non si fa pregare: ripartenza veloce di Nasso (17’24”),avanza palla al piede e dal limite col destro infila Macchia sul palo lontano 0-2 ed esultanza per la Royal.Chiusura di tempo con la Royal costretta in difesa: prima è provvidenziale Fragola su Pugliese da due passi; poi Cacciola devia col piede sinistro su De Oliveira. E si va al riposo.

Stessi quintetti di inizio gara. E primo sussulto Royal: Fragola se ne va in contropiede e serve la meglio piazzata di Piazza, ma troppo arretrato. E Cacciola deve già compiere un altro prodigio sulla solita Aresu. Risponde Di Piazza, tiro su De Sarro sulla traiettoria che riprende ma non trova la porta. Ci prova Ribeirete, con una mano in angolo Cacciola. Break Royal con Rovito in ripartenza, diagonale fuori misura da buona posizione. Bis Fragola, gran destro piazzato, devia Macchia. Punizione locale con Vecchione, devia Cacciola col ginocchio. Gran destro di Di Piazza, palla alta, c’era De Sarro tutta sola sulla sinistra. Ancora Royal: Fragola imbecca Rovito (5’34”) tutta sola, pallonetto ravvicinato, troppo alto. Cacciola attenta in tuffo su rasoterra velenoso di Vecchione, palla in angolo. Royal vicina al tris (8’15”): tape-in De Sarro su tiro di Rovito, fuori da due passi. Atro prodigio-Cacciola su De Oliveira tutta sola, con la difesa Royal che perde banalmente palla a centrocampo. Esce De Sarro entra Saraniti. Mentre gli arbitri perdono la testa non sanzionando col giallo interventi fallosi delle locali (almeno tre volte e, Cacciola è provvidenziale coi piedi sulla solta De Oliveira. A undici dalla fine Fragola due volte e Furno non trovano il tris da distanza ravvicinata, dopo una punizione di Saraniti. Ma il tris arriva poco dopo: azione personale di Rovito sulla destra, resiste ad una carica e col sinistro infila Macchia in uscita 0-3. Qualche secondo ed ecco il sesto fallo-Napoli, tiro libero di Rovito (11’53”) e rasoterra vincente per lo 0-4, Rovito va ad abbracciare Kale in tribuna. Bene così. Napoli (a 7 dalla fine) schiera il quinto di movimento (De Oliveira). Furno non ne approfitta poco dopo a porta vuota dalla distanza, palla fuori e con un destro più tardi, deviato da Macchia. Ed arriva la cinquina: Rovito per Saraniti, sinistro-gol tra le gambe di Macchia. 0-5. Entra Mauro per Fragola. Fallo su Cacciola e tiro libero Royal, stavolta tocca a Saraniti: para Macchia. Fallo di Furno (il sesto) e tiro libero anche per Napoli, ma Ribeirete mette fuori. Vittoria in cassaforte e Ragona dà spazio anche a Gatto e poco dopo a Giuffrida.
A fine gara contento mister Ragona: “Bravo tutto il gruppo, venire qua e determinati fin dall’inizio in una ‘finale’ per la salvezza già alla prima giornata è stato importante; siamo stati sempre equilibrati, sono soddisfatto per questa prima gara”.
TABELLINO 0-5
WOMAN NAPOLI: Macchia, De Oliveira, Aresu, Vecchione, Ribeirete, Ciccarelli, Cipolletta, Flaminio, Pugliese, Mendolia, Romano, Sommese, Vitale. All: Battistone
ROYAL:Cacciola, Fragola, Rovito, Di Piazza, De Sarro, Saraniti, Mauro, Nasso, Furno, Gatto, Giuffrida. All. Ragona
ARBITRI: Vari di Frosinone e Galasso di Aprilia. Crono: Vallecaro diSalerno.
RETI: 1t 7’20” Saraniti, 17’24” Nasso; 2t 11’34” e 11’53” (t.l.) Rovito., 14’23” Saraniti.
Note: Ammonite Rovito, Vecchione.

,