Rapine: due arresti dei carabinieri a Pizzo Calabro

Frame1web
Vibo Valentia¬† – I carabinieri della Stazione di Pizzo Calabro, su disposizione di un’ordinanza di applicazione di misura cautelare disposta gip del Tribunale di Vibo Valentia Lucia Monaco, hanno eseguito due provvedimenti di arresto per una rapina a mano armata in concorso commessa il 13 febbraio scorso. La detenzione in carcere e’ stata disposta dal gip nei confronti di Antonio Fama’, 22 anni, di Pizzo Calabro, mentre gli arresti domiciliari sono stati disposti dal gip nei confronti di Gabriele Colombo, 21 anni, anche lui di Pizzo, difeso dagli avvocati Giuseppe Bagnato e Antonietta Villella. Colombo-Gabriele

Secondo le indagini dei carabinieri, guidati dal maresciallo Paolo Fiorello, che si sono avvalsi delle videoregistrazioni di un impianto di videosorveglianza installato all’esterno di un negozio ubicato nei pressi del luogo della rapina, la sera del 13 febbraio scorso Gabriele Colombo avrebbe puntato in via Nazionale a Pizzo una pistola al volto di G.C., titolare di un tabacchino, mentre Antonio Fama’ si sarebbe impossessato di un computer portatile, di una borsa a tracolla e dell’orologio della vittima. Fama’ e’ stato quindi riconosciuto nei filmati sia dai carabinieri che dalla vittima, mentre Colombo nel corso di una perquisizione domiciliare ha ammesso i fatti facendo ritrovare una pistola a gas a piombini priva del tappo rosso ed indicando poi anche il mandante della rapina sul quale sono in corso ulteriori indagini.Frame2webFrame-3web